banca del tempo
iscriviti alla newsletter

i martedì all'urban center

La città è spesso meglio di quanto crediamo. È piena di vicende che s’incrociano, di progetti che ne trasformano i mille angoli, ma senza snaturarli, di gruppi e individui che lavorano e vivono innescando azioni virtuose.

Dovremmo ascoltare di più le storie che i luoghi raccontano: i martedì di Urban Center nascono proprio per dare voce a tanti protagonisti spesso poco noti. Esperienze a geometria variabile – che in misura diversa contribuiscono alla trasformazione fisica e culturale della città, all’innovazione sociale ed economica, dal centro alle periferie – entrano così in un racconto collettivo, fino a disegnare la mappa possibile di una città migliore.

Gli appuntamenti, anticipati dal blog imartedidiurbancenter.wordpress.com, si strutturano secondo un format semplice e immediato che si ispira allo stile giornalistico anglosassone, articolando l’approccio al caso e il racconto in 5 momenti chiave che corrispondono alle famose 5 Ws: dove (where)?, quando (when)?, chi (who)?, cosa (what)?, perché (why)? Grazie alla collaborazione con La Stampa, ciascun incontro, programmato ogni due settimane, è coordinato da un giornalista della Cronaca di Torino.

Numero Zero. Abitare a Porta Palazzo

In via Cottolengo, nel cuore multietnico di Torino e di fronte al più grande mercato all’aperto d’Europa, un’associazione di abitanti, creata una specifica cooperativa, ha acquistato e ristrutturato una vecchia casa di ringhiera per farne alloggi in co-housing, con progetti e modalità di gestione del tutto innovativi. Bruna, Elena, Ludovica, Paolo, Alessandra, Chiara, Teo, Irene, Piera raccontano il loro progetto, ora in fase di conclusione: un piccolo tassello che diventa emblema di uno dei luoghi più simbolici di Torino, da almeno un decennio oggetto di una profonda rigenerazione.

Introduce Carlo Olmo, direttore Urban Center Metropolitano

Coordina Guido Tiberga, caporedattore Cronaca di Torino, La Stampa

 

 
Copyright © 2011 CoAbitare. Tutti i diritti riservati.